Omaggi esclusivi

prenotando direttamente dal nostro sito
Verifica disponibilità

Prenota direttamente dal sito e ti aggiudichi i nostri regali

  • Sconto del 10% sulla tariffa base
  • Offerte speciali solo su questo sito

Regali per te

solo se prenoti da questo sito
clicca qui

Omaggi esclusivi

prenotando direttamente dal nostro sito
Verifica disponibilità

Prenota direttamente dal sito e ti aggiudichi i nostri regali

  • Sconto del 10% sulla tariffa base
  • Offerte speciali solo su questo sito

Pompei

L’escursione tra gli scavi archeologici di Pompei dista solo un’ora e mezzo dall’Hotel Amalfi

Chi arriva in Campania spesso ha il desiderio di vedere con i propri occhi il sito archeologico di Pompei, uno degli scavi archeologici più famosi nonché più suggestivi di tutto il mondo.

 

Dall’Hotel Amalfi sono sufficienti 90 minuti circa per raggiungere la città vecchia di Pompei, dove si trova uno dei complessi archeologici più visitati nel mondo.

 

Ciò che rimane della città antica, dopo l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. che distrusse completamente l’insediamento di Pompei ed i suoi abitanti, è la testimonianza del momento esatto in cui la vita a Pompei finì, sotto una pioggia di cenere e lapilli.

Ma Pompei non è solo archeologia, infatti ci sono tante cose interessanti da vedere in questa famosa località come chiesemonumenti.

 

Trekking nel Parco Nazionale del Vesuvio

 

Amanti del trekking e della natura, durante le vacanze in Campanianon rinunciate ad un’escursione nel Parco Nazionale del Vesuvio.

 

Eletto riserva mondiale della biosfera dall’UNESCO, l’area del Vesuvio è un territorio tutto da scoprire.

Il santuario della Madonna di Pompei

 

Costruito alla fine del 1800, il Santuario della Madonna di Pompeiè simbolo della fede e dei sacrifici del suo fondatore, il beato Bartolo Longo che si prodigò nell’aiutare poveri d’ogni parte del mondo.

 

La storia di Longo e del Santuario s’intreccia con il racconto di un dipinto pensato per invogliare gli abitanti alla pratica del rosario. Il quadro della Madonna, donato da una suora del Conservatorio del Rosario di Portamedina, ebbe bisogno di essere restaurato più volte da diversi artisti napoletani per riportarlo all’originario splendore ed alla giusta rappresentazione dei santi.